MENU MAGGIO 2016

Piatti  storici

Antipasto Nonna Rosa

€ 20

Spaghetti acciughe,  peperone dolce e pecorino

€ 18

Rigatoni al ragu’  

€ 18

Ziti alla genovese di pollo e cacioricotta

€ 18

Polpette di manzo preparate da mia mamma Rosa

€ 16

 

Perfetto alle mandorle

€ 12

Degustazione piatti storici

€ 70

Degustazione

   Lo sfizio della sorpresa noi lo chiamiamo come presumiamo voi vorreste dire  :

…Peppe fa tu

€ 90

  il  menu degustazione si intende  per  tutti gli ospiti del tavolo

Gli Antipasti

Pesce azzurro, limone, patate e camomilla

€ 20

Seppie, piselli e mandarino

€ 20

Gamberi, croccante di alghe , ciliegie ,ricotta di bufala al bergamotto

€ 20

Il provolone del Monaco in cinque consitenze e temperature

€ 20

Pane e pomodoro , asparagi , uova e provola affumicata

€ 20

 

Le Paste

 

Risotto  aglio e olio , cozze , colatura di alici e insalata mista

€ 20

Spaghetti, sauro affumicato e acqua di broccoli

€ 20

Calle, baccalà al lime, cipollotto cacio e n’duja

€ 20

Semi di annurca , piselli, caciocavallo, olio alla cenere di cipollotto

€ 20

Ravioli ai formaggi, fave e pancetta

€ 20

 

Delicato sorrentino

€ 20

I Secondi

Baccalà, cipollotto, limone  e mele annurche

€ 25

 

Merluzzo, giardiniera della Nonna e radici

€ 25

Calamaro, senape e scarole

€ 25

Tonno, biscotto di granturco, pomodoro e ricotta  

€ 25

Un maiale in primavera

€ 25

Agnello,  erbe selvatiche, cipolle marinate e n’duja

€ 25

La nuova Antica Osteria

Lo chef campano Peppe Guida ha rinnovato la sua storica insegna di Vico. Nel segno della pasta

17-12-2015

Nuova veste per la sala dell’Antica Osteria Nonna Rosa di Vico Equense (+39.081.8799055), per un ristorante che da tempo coniuga in modo efficace la cucina tradizionale con la sua controparte innovativa. In cucina, tra le novità, un menu degustazione tutto dedicato alla pasta. Peppe Guida è tra i relatori di Identità di Pasta, martedì 8 marzo a Milano

Sulla tavola dello chef Peppe Guida ogni cosa è illuminata. L’Antica Osteria Nonna Rosa di Vico Equense si presenta oggi sotto una nuova luce. Lo storico locale dello chef stellato, infatti, ha recentemente rinnovato la sala interna, valorizzandone l’aspetto illuminotecnico per garantire ai suoi clienti un ambiente caldo e accogliente come i suoi piatti.

Le pareti color tortora mettono in risalto la greca di maioliche antiche, i quadri, le maschere e gli elementi della tradizione campana presenti in sala. Le volte del soffitto abbracciano le luminose resistenze delle lampadine in stile industriale, mentre le lampade verde bosco scendono lunghe e precise dall’alto, illuminando ogni singola tavola e restituendo nuova attenzione ai piatti, veri protagonisti.

Il risultato è una sala avvolta dall’intimità della penombra, tipica di un tavolo da gioco, mescolata al tepore di un salotto e alla familiarità della cucina di Nonna Rosa. Nuova luce anche in carta, con un’audace novità: un menu total pasta. Un percorso di otto portate fra proposte vegetariane, di pesce, di carne e piatti della tradizione, sempre presenti nei menu che portano la firma dello chef Guida.

Spaghetto aglio, olio, sauro bianco affumicato e salsa di nduja

Spaghetto aglio, olio, sauro bianco affumicato e salsa di nduja

Ogni tappa pesa 50 grammi: è il minimo al di sotto del quale, per carità, non si scende. «Un modo per complicarsi la vita!», esclama lo chef, perché in una struttura come quella di Nonna Rosa proporre molti piatti di pasta secca potrebbe rappresentare un rischio più che un vantaggio. L’idea del percorso monotematico nasce dagli appuntamenti di Indovina chi viene a cena, il format ideato da Giuseppe di Martino, che ha stimolato la creatività dello chef nella proposta di piatti di pasta sempre nuovi con accostamenti inconsueti e ben riusciti, molti dei quali sono oggi presenti in carta.

La degustazione è un divertente crescendo che si affronta con disinvoltura, poiché ogni piatto è più buono del precedente e non si riesce a dire stop. Estasiati dalle endorfine e illuminati dalla nuova veste dell’Osteria, si comprende che la maestria dello chef sta nel sottrarre elementi al piatto, nella capacità di lavorare sulla qualità delle materie prime e su proposte essenziali.

Rigatoni al ragù e spuma di pecorino

Rigatoni al ragù e spuma di pecorino

Si comincia dal formato preferito di Peppe: lo spaghettino di Gragnano, servito all’acqua di limone e provolone in un gioco delicato e sottile di acidità e avvolgenza. Spicca l’ormai celebre Delicato Sorrentino: un piatto sagace e svelto, dove il mischiato delicato di Gragnano è in profumato equilibrio con il datterino giallo, il fiordilatte di Agerola e il limone.

Degni di nota il gustosissimo Spaghetto con acciughe, peperone dolce e pecorino: un piatto che ha compiuto trent’anni ma è sempre attuale e le Linguine aglio, olio e succo di tordo di mare: un pesce dall’aspetto variopinto, tanto saporito quanto spinoso, dal gusto intenso del mare.

Fortemente campano è lo Spaghetto aglio e olio con sauro bianco affumicato, friarielli e nduja: un concentrato di sapori decisi e ben bilanciati, ravvivati ad ogni boccone dal peperoncino calabrese, passione dello chef. Si pesca poi dalla tradizione dei piatti di famiglia, e si chiude il cerchio con i rigatoni con ragù e spuma di pecorino.

Assoluto di triglia

Assoluto di triglia

Fuori menù è da provare l’Assoluto di triglia: pescata fra gli scogli di Marina di Vico, proposta in croccante tempura, acquisisce quel sapore intenso di mare che il guazzetto sul fondo del piatto ripropone, fortissimo e invitante. A chiusura del pasto, il classico piatto di formaggi si trasforma qui in una verticale sul Provolone del Monaco, proposto in cinque consistenze e temperature diverse: salsa, spuma, mousse, demi-soufflé e croccante. Impossibile non rimanerne affascinati.

Menu Febbraio 2016

Piatti storici

Antipasto Nonna Rosa
€ 20
Spaghetti acciughe, peperone dolce e pecorino
€ 18
Rigatoni al ragu’
€ 18
Candele alla genovese di pollo e cacioricotta
€ 18
Polpette di manzo preparate da mia mamma Rosa
€ 16

Degustazione
Lo sfizio della sorpresa noi lo chiamiamo come presumiamo voi vorreste dire :

…Peppe fa tu
€ 90

il menu degustazione si intende per tutti gli ospiti del tavolo
Gli Antipasti

Pesce azzurro, limone, patate e camomilla
€ 20

Gamberi rossi da Nord a Sud
€ 20

Seppie, piselli secchi e mandarino
€ 20

Il provolone del Monaco in cinque consitenze e temperature
€ 20

Uovo, broccoli ,tarallo, tartufo nero e pecorino
€ 20

Le Paste

Delicato sorrentino
€ 20

Linguine aglio e olio, succo di tordo di mare
€ 20

Calle, baccalà al lime cipollotto cacio e nduja
€ 20

Riso, stracco, carciofi , verbena e mandarino
€ 20

Ravioli ai formaggi freschi delle nostre colline
€20

I Secondi

Baccalà, scalogno, limone e mele annurche
€ 25

Merluzzo, giardiniera e agrumi
€ 25

Calamaro “ sporco”, friarielli , salsa di zucca e acciughe
€ 25

Manzo, cipollotto.aglio e prezzemolo
€ 25

Pollo, tartufo e radici
€ 25

Agnello, erbe selvatiche, cipolle marinate e nduja
€ 25

San Valentino 2016

Antica Osteria Nonna Rosa  Chef Peppe Guida 

Cena di San Valentino 14 Febbraio 2016 

Il nostro benvenuto

Pesce azzurro, limone, patate e camomilla

Uovo, broccoli, pecorino, tarallo e tartufo nero

Linguine al sugo di zuppa di pesce

Ravioli ai formaggi dolci, essenze di bosco

Calamaro e scarole

Pre dessert

Come una Santa rosa

Graf

€ 70 a persona vini e bevande escluse

per prenotazioni e informazioni  3384243810  0818799055
mail info@osterianonnarosa.it

 iI menù potrebbe subire variazioni, determinate dai prodotti più freschi che troveremo disponibili sul mercato in quei giorni.

9

Per i nostri clienti, quest’anno una gradita sorpresa, offriamo la possibilità di acquistare il nostro panettone artigianale di Francesco Guida! Proponiamo i seguenti gusti: Pasta d’arancio e uvetta, cioccolato al latte, mele annurche thè nero e cannella; al prezzo di 27 euro caduno spese di spedizione escluse.
Per ulteriori informazioni contattarci al nostro indirizzo di posta elettronica info@osterianonnarosa.it o consultare il nostro sito internetwww.anticaosterianonnarosa.it

Castellammare,Yacht Club Marina di Stabia: mangiare sul mare cucina d’autore

Castellammare,Yacht Club Marina di Stabia: mangiare sul mare cucina d’autore

da Luciano Pignataro WineBlog del 9 dicembre 2013

di Barbara Guerra

Vista mozzafiato per il suggestivo Yacht Club a Castellammare all’interno del complesso Marina di Stabia. Locale che  in una ipotetica classifica dei ristoranti italiani più belli, meriterebbe a pieno titolo una posizione ai vertici. L’idea è quella della nave, sospesa però in aria. Cristalli, vetro, acciaio, linee pulite e sicure tracciate dall’architetto Massimiliano Fuksas. L’idea più bella del progetto architettonico è il ruolo che assume il Vesuvio, elemento del panorama che entra nella visuale del ristorante in maniera prepotente e catalizzante, creando un rapporto visivo forte e magnetico. Segno della particolare sensibilità del progettista.

Basta poi distogliere la vista di pochi gradi, magari scegliendo un tavolo sulla romantica terrazza, e si apre allo sguardo l’intero Golfo di Napoli con i suoi colori e l’aria mite che dal mare si leva per allietare anche le giornate più fredde.

Il Capitano della nave è Peppe Guida, titolare della rinomata Antica Osteria Nonna Rosa di Vico Equense che in questo progetto è supportato dal giovane e molto rodato Mario Cinque, chef di 28 anni di cui 10 passati ai fornelli  del Nonna Rosa di Vico Equense.

Yacht Club Marina di Stabia, alice farcita con salsa napoletana

La carta è stilata con l’esperienza di chi conosce bene il proprio mestiere, rassicurante  e non banale.

Yacht Club Marina di Stabia, i vini

Una cucina di pesce, come è giusto che sia in questo luogo a bordo del mare, attorno al quale girano in maniera pensata e sicura gli elementi di terra che meglio riflettono l’identità campana, friarielli, scarola, agrumi, erbe spontanee, formaggi tipici.

Completano l’esperienza l’accoglienza amabile e di mestiere di Eduardo Bonocore e le attente proposte nel bicchiere di Antonio Indovino.

Nei piatti materia prima ben selezionata  che si ispirano negli abbinamenti alla tradizione con una buona dose di personalità  ed  esecuzione attenta.

Con piacere ritroviamo uno dei piatti geniali di Peppe, la palamita alla camomilla con patate, limone e scarola. Il pesce predatore con la sua carne consistente incontra la morbidezza delle patate, la scarola allunga il gusto ed impreziosisce la struttura, il limone rinfresca, la camomilla armonizza. Vale un viaggio anche di centinaia di chilometri.

Yacht Club Marina di Stabia, palamita, camomilla e limone

 

Yacht Club Marina di Stabia, gamberi rossi, arancia, ricotta e rucola

 

Yacht Club Marina di Stabia, insalatina tiepida di mare

 

Yacht Club Marina di Stabia, migliaccio della tradizione, friarielli aglio e olio, pancetta di maiale

 

Yacht Club Marina di Stabia, orecchiette cime di rapa e lupini

 

Yacht Club Marina di Stabia, tortelli ai formaggini dolci, noci e pere

 

Yacht Club Marina di Stabia, mischiato potente di Gragnano, cozze e pecorino

 

Yacht Club Marina di Stabia, calamaro arrosto con scarola alla napoletana

 

I dolci pur restando  nel solco dei sapori classici sono supportati da una buona freschezza.  Zeppoline fritte a chiusura, da manuale.

Yacht Club Marina di Stabia, millefoglie con frutti rossi

 

Yacht Club Marina di Stabia, zeppole

 

Yacht Club Marina di Stabia
Tel. 081 8722118
www.marinadistabia.it

yachtclub@marinadistabia.it

Aperto a pranzo e a cena tutti i giorni in estate. Negli altri periodi chiuso il martedì.
Ferie dal 8 gennaio al 15 marzo
Menù degustazione 50€

Pasta e Piselli

E’ il suo momento. Peppe Guida dell’Antica Osteria Nonna Rosa negli ultimi tempi spopola sui social, e naturalmente anche dal vivo, per i suoi piatti di pasta.

Prima con il Delicato Sorrentino, che è diventato un vero cult dopo la scorsa edizione de Le Strade della Mozzarella. Stavolta l’ha combinata grossa anche con gli Spaghettini spezzati all’assoluto di piselli e noi non potevamo di certo perderci la ricetta. Eccola.

Ricetta raccolta da Dora Sorrentino

Spaghettini spezzati all’assoluto di piselli

 

Di Peppe Guida

Ingredienti per 4 persone

  • 800 gr di piselli puliti dal baccello
  • 280 gr Spaghettini del Pastificio dei campi
  • 2 cipollotti
  • 50 gr di pancetta
  • Olio evo q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • 1/2 cucchiaino di lecitina

Preparazione

Sbollentare i piselli per 3/4 minuti poi passarli in acqua e ghiaccio. In una larga pentola far sudare i cipollotti tritati con la pancetta in poco olio evo, aggiungere i piselli scolati, far stufare per pochi minuti, aggiungere un po’ di acqua calda e portare a cottura. Toglierne una piccola parte per frullarla e setacciare il tutto. In una pentola mettere pochissimo olio evo, aggiungere la parte di piselli intera e fare stufare per 2/3 minuti. Aggiungere la passata di piselli conservandone circa 50 grammi da parte, portare a bollore, aggiungere gli Spaghettini spezzati e cuocere la pasta risottandola, aggiungendo poca acqua calda se ce n’è bisogno. Una volta cotta al dente, regolare di sale pepe, aggiungere una generosa quantità di olio evo, mantecare il tutto ed impiattare. Fate riposare un minuto e rifinire con la passata di piselli emulsionata con la lecitina.


 

Delicato gentile

di Dora Sorrentino

Si può definire un fuori classifica il piatto più apprezzato all’edizione 2014 de Le strade della Mozzarella, per chi ha avuto la fortuna di provarlo è un primo da standing ovation. L’autore è Peppe Guida, del ristorante Antica Osteria di Nonna Rosa. Un piatto che ha denominato Delicato Sorrentino, perché racchiude tutti i profumi ed i sentori tipici della penisola, spingendo molto sull’acidità degli ingredienti.

Ecco la ricetta.

Ricetta raccolta da Dora Sorrentino

Foto di Pasquale Pace


Delicato Sorrentino

 

Di Peppe Guida

Ingredienti

  • 320 gr mischiato delicato del Pastificio dei Campi
  • 600gr di pomodori datterini gialli in succo
  • 2 spicchi d’aglio
  • 200gr mozzarella di bufala
  • 100gr di parmigiano
  • 100gr latte di bufala
  • 50 gr di pesto
  • 60 gr olio evo
  • Pepe nero di sarawak q.b.
  • Sale di trapani q.b.
  • 1 limone
  • 20 foglioline di basilico

PREPARAZIONE

In una casseruola mettere l’olio e l’aglio, far sudare dolcemente per un minuto, aggiungere i pomodorini e appena prendono il bollore aggiungere la pasta e cominciare a cuocere come un risotto aggiungendo acqua calda.

Nel frattempo tagliare a concassé la mozzarella, strizzarla e recuperare il latte, condirla con il pesto e una leggera grattugiata di limone e posizionarla al centro di un piatto fondo.

Nel frattempo ultimare la cottura della pasta lasciandola leggermente all’onda, regolare di sale pepe e metterne una porzione in ogni piatto.

Spolverare di parmigiano, aggiungere la schiuma di latte di bufala ottenuta montando il latte recuperato più la quantità di quello in ricetta, aggiungendo una grattugiata di limone.

Rifinire con un filo d’olio evo e foglioline di basilico

 

 

Cooking class

Cooking class